UNA SBERLA DELLA FORTUNA

sabato 28 marzo ore 21.00
commedia brillante in lingua

UNA SBERLA DELLA FORTUNA
di AA.VV.
Compagnia TUTTINSCENA (Camponogara)
regia Agostino Nolon

Cosa fareste se per caso vi capitasse di trovare una valigetta con dentro una valanga di banconote, ovvero ”Una sberla della fortuna”?
È il compleanno di Enrico Perini e, come tutti i giorni, sta tornando dal lavoro in treno. È felice e spensierato più del solito, scende e apre la borsa per prendere guanti, sciarpa e tramezzino, ma … ma qualcuno deve averla scambiata per errore. La borsa è uguale, ma non può essere la sua: al posto del prelibato tramezzino al formaggio ed insalata trova incredibilmente un mare di banconote da 50 euro! Immaginate lo sconvolgimento del povero Enrico che, per contarle, si rifugia nei bagni della stazione arrivando a totalizzare in maniera convulsa la sbalorditiva cifra di unmilionesettecentrotrentacinquemila euro!!!
Ma voi, cosa fareste al suo posto?
Rincasa agitato e trova la moglie indaffarata nei preparativi per una cena speciale, alla quale parteciperanno anche gli inseparabili amici Vittorio e Betty.
Noncurante di tutto, prende il telefono, prenota due posti per il primo volo aereo in decollo tra due ore e un taxi che li venga a prendere al più presto. Tuttavia la moglie non vuole sentire ragioni per partire così all’improvviso, per di più con tutto quel denaro, di assoluta sospetta provenienza! Che sia un gioco pericoloso della mafia?!!!
Suonano alla porta, Enrico si defila, l’ispettore della questura centrale lo sta cercando. Giovanna non sa che dire e men che meno cosa fare. Comincia a bere!
Poco più tardi fa il suo ingresso anche l’ispettrice Scalese e, allora, colpo di scena! La faccenda si complica, proprio come nel più classico dei noir francesi!

LA RIVINCITA DEI TRE MOSCHETTIERI

Spettacolo fuori abbonamento
ingresso: interi euro 8, under 14 euro 4
prenotazioni: come modalità del cartellone

sabato 21 marzo ore 20.30
per famiglie

LA RIVINCITA DEI TRE MOSCHETTIERI
di David Conati
Compagnia IL COVOLO (Longare)
regia di Alberto Trevisan

D’Artagnàn è un giovane guascone con l’ambizione di diventare moschettiere. Per realizzare il suo sogno decide di recarsi a Parigi dove grazie ad una lettera di raccomandazione di suo padre intende presentarsi presso la scuola dei cadetti. Purtroppo poco prima di raggiungere la capitale francese viene derubato di tutti i suoi averi, si scontra con tre individui con il risultato di essere sfidato a duello in tre momenti diversi della giornata.
Essendo però i duelli vietati dal Cardinale perché la Francia è in guerra contro l’Inghilterra D’Artagnàn rischia di essere arrestato dalle guardie del Cardinale assieme ai suoi avversari che scoprirà essere tre moschettieri. Il Cardinale Richelieu trama ai danni della corona ma è ostacolato dalla presenza costante della regina. Per far scoppiare uno scandalo a corte e togliere di mezzo la regina decide quindi di far rubare un prezioso diadema di proprietà della stessa. Un suo messo fidato farà pervenire questo gioiello ad un lord inglese come pegno d’amore. Il suo progetto è che durante il viaggio verso Londra questo messo venga intercettato ed arrestato facendo così scoprire la tresca agli occhi di re Luigi. La regina smascherata verrebbe allontanata da corte lasciando finalmente spazio per i giochi di potere del Cardinale…